“La fortuna sorrideva come uno stagno a primavera. ” (Fabrizio De Andrè)